CHI SIAMO

La Confederazione Internazionale dei Cavalieri Crociati


La Confederazione Internazionale dei Cavalieri Crociati (CCCi) è una Associazione, nata il 30 Settembre 1992, apolitica e apartitica, i cui scopi sono rivolti a diffondere una cultura di pace, di solidarietà e di fratellanza tra i popoli.
 
La CCCi promuove iniziative culturali e sociali, destinate a tutelare le fasce deboli della popolazione (bambini, ammalati, anziani e indigenti). La difesa dei diritti dell'uomo e la protezione della personalità umana sono tra gli scopi più alti che la Confederazione intende perseguire, con particolare riguardo ai giovani e alla promozione dei loro talenti.
 
In attesa di giungere ad una chiarificazione degli Ordini Cavallereschi che operano nel mondo, la CCCi si attiene al rispetto di quanto sancito nella Bolla 1/02/88/01 sottoscritta a Malta nel 1988 tra i Cavalieri Crociati e ratificata dal Capitolo di Damasco del 20 Settembre 1988. Tutti gli Ordini Cavallereschi possono aderire alla Confederazione, purché ne condividano scopi e finalità.
 
La CCCi, infatti, non è un Ordine, ma un'Associazione che raccoglie Dame e Cavalieri di vari Ordini, in accordo con i rispettivi Gran Maestri. Coloro che richiedono di aderire alla Confederazione, non appartenendo ad un Ordine Cavalleresco, sono presentati dalla CCCi, ad un Ordine gemellato . Ciascuno di questi Ordini, operando in maniera assolutamente autonoma, nel rispetto dei propri Statuti e delle Leggi del proprio Paese, valuterà la candidatura presentata.
 
La CCCi è stata registrata a Roma e ha due sedi: una Magistrale ed una operativa. La Sede Magistrale si trova a Malta, mentre la sede operativa è ad Assisi, centro di riferimento culturale ed ecumenico.
 
Gli Organismi della Confederazione
 
Organo di governo della Confederazione Internazionale dei Cavalieri Crociati è il Consiglio Direttivo, il qualche è composto da un minimo di tre ad un massimo di sette membri. Presidente, Gran Cancelliere e un Consigliere costituiscono la struttura base del Consiglio.
 
Il Presidente del Consiglio di Damasco, Magister Magnus, è S.E. Faiz Ismail. Il Presidente referente Magistrale della Confederazione è il Dr. Carlo Carelli (vedi Statuto della CCC). La Confederazione è rappresentata dal Gran Cancelliere, Prof. Giorgio Cegna, con delega del Magister Magnus.
 
Su indicazione dei Gran Maestri degli Ordini Cavallereschi aderenti, o di propria iniziativa, il Consiglio Direttivo può istituire sedi, dipartimenti, filiali, uffici, rappresentanze, ambasciate, propri centri di formazione, sedi di produzione, in Italia e all’estero.
 
Per realizzare i propri fini, la Confederazione si prefigge di promuovere forme di reciproca collaborazione tra le strutture proprie, quelle degli associati e, eventualmente, coinvolgendo Istituzioni terze.
 

Finalità e attività
 
La Confederazione ha l'obiettivo di riunire Cavalieri e Dame di diversi Ordini Cavallereschi, perché diventino “Guardiani di pace”, quindi, testimoni nella società dello spirito della “Cultura di pace”.
 
Nel perseguire tali finalità la Confederazione si avvale di prestigiose e importanti forme di collaborazione con Istituzioni nazionali e internazionali quali: Università statali, altri enti di formazione accreditati, istituzioni militari, centri di ricerca, associazioni, ecc.
 
Alcuni esempi delle attività realizzate, nel corso degli anni, sono: convegni, corsi di formazione rivolti a giovani, organizzazione di eventi culturali (mostre d'arte, filateliche, concerti musicali), patrocinio e finanziamento di concorsi per giovani talenti, invio di materiali in soccorso di popolazioni che vivono in stato di calamità e di emergenza, produzione editoriale e libraria.

Nel rispetto delle finalità per cui è stata costituita, la CCC opera realizzando progetti propri o attraverso segnalazioni di terzi. Queste ultime possono essere dirette (avanzate da coloro che si rivolgono direttamente alla Confederazione cercando assistenza per proprie iniziative), o indirette (segnalazioni per singoli interventi di natura umanitaria provenienti da terzi che si impegnano in favore di singole persone o gruppi di persone in difficoltà).

Negli ultimi anni, sono state diverse le nazioni estere in cui la Confederazione ha operato: Moldova, Romania, Albania, Siria, Libano, Yemen, Burundi, Israele, Niger, Brasile, Germania, Francia...

 
Come si finanzia la Confederazione

Il Patrimonio della CCCi è formato: dai beni mobili ed immobili e dai valori che, per acquisti, lasciti, donazioni o che per qualsiasi altro titolo vengano in proprietà alla Confederazione; dalle somme accantonate per qualsiasi scopo, finché non erogate; dalle quote associative annuali o una tantum versate dagli associati; dai liberi contributi elargiti dal Gran Consiglio dei Cavalieri di Damasco, Rodi, Cipro e Malta.